Shadowban, le cose da non fare per non farsi bannare da Instagram

State utilizzando Instagram da un po’ di tempo ma avete notato una quasi totale inattività sul vostro profilo? Probabilmente siete finiti in shadowban e siete stati penalizzati dal social network, capirne le motivazioni è fondamentale per non farsi bannare nuovamente.

In questo articolo vi spiegheremo le cose da non fare se non si vuole finire in Shadowban da Instagram, una condizione che rende del tutto inutile postare contenuti sul proprio profilo, perché privati della visibilità sulla piattaforma.

Perché Instagram decide di bannare alcuni profili?

Lo shadowban è stato pensato per cercare di fermare le crescite di numerosi profili che non sono basati sull’interesse degli utenti Instagram verso i contenuti, si tratta di una tecnica mirata ad impedire l’acquisto di followers tramite sponsorizzazioni e varie strategie di incremento, che si focalizzano sulla crescita del numero di Seguaci e non sulla qualità dei contenuti e sul loro interesse.

Instagram è stato realizzato con lo scopo di far interagire gli utenti, stimolandone l’interazione e la socializzazione su interessi comuni, per cui qualsiasi altra iniziativa mirata al solo accrescimento dei followers non viene ben vista ed è motivo di shadowban.

LE COSE DA EVITARE PER NON FARSI BANNARE DA INSTAGRAM

Se state leggendo questo articolo è perché volete evitare di essere bannati da Instagram, oppure, siete stati vittima di shadowban ma non ne avete capito il motivo, proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Se Instagram ha deciso di bannare il vostro profilo, sicuramente avete fatto qualcosa che ha spinto il social network a pensare che state violando il regolamento, per cui ecco un elenco delle cose da evitare per non farsi banner da Instagram.

1) UTILIZZARE HASHTAG VIETATI

Ci sono degli hashtag che sono proibiti da Instagram e che possono provocare uno shadowban, tuttavia, in alcuni casi, può accadere che degli hashtag non segnalati come vietati, possono avere un elevato quantitativo di spam e contenuti inappropriati, motivo che spinge Instagram ha inserire l’hashtag nella lista nera, che è in continuo aggiornamento.

Ecco un elenco di hashtag vietati da Instagram:

#grindin #hardcore #helpabitchout #hoes #hungrycunt #idontgiveafuck #ifuckinwish #IG #iloveitwhenhemakesthis expression #ilovemyinstagram #incest #instabitch #instabody #instafuck #instagirl #instagram #instasex #iphone #iphone4s #iphoneography #jailbait #jamesmotherfuckingfran co #jizz #jugs #kike #kikmeboys #kikmenow #knockers #kyke #lazyasfuck

#adulting #alone #americangirl#armparty #asia #asiandick #attractive #babyrp #bacak #badbitcztwerk #baddie #balenciaga #balls #bang #bangbang #batikate #beaty #belfie #bi #bigdickboy #bikinibody #bombshell #bootay #bootybounce #bra #brain #breast #buns #butt #butts #cam #carving #catsau #cesitone #cheeky #citycentre #commentschivettes #costumes #cph #cpr #csun #cumfession #curvesfordays #curvy #damngirl #datass #date #dating #desk #direct #dm #dominant #dripping #dutchgirl #dxb #easter #ebonyandivory #edm #edmbabes #eggplant #eggplants #eggporn #elevator #escilepernatale #estellaseraphim #everybodyisbeautiful #excitada #expose #fapstagram #feetofatlanta #fishnets #foreplay #freakshow #freethenipple #gays #gilofashion #girlsonly #gloves #goddess #hamishnadine #happythanksgiving #hardsummer #hijabiba #hooters #hornyyyyyyasf #hotgirls #hotguy #hots #hottie

#humpday #iamgay #instagirl #instamood #istanbulgay#italiano #jugs #kansas #kickoff #kik #kikgirl #kikmessenger #killingit #kissing #lesbian #lesbiansofinstagram #lilmandingo #lingerie #lust #marcoreus #master #mebelim #medicina #mexicangirl #mirrorphoto #mixedgirls #models #mr40club #mrsandmrsbordeaux #mrtox #nacket #nasty #newyears #newyearsday #ngento #oovoo #petite #piroka #pixie #poop #pornfood #printic #publicrelations #pushups #rack #ravebabes #roleplay #russiangirl #russianmilf #saltwater #sexlife #shebad #shesquats #shit #shower #single #singlelife #skype #slimthick #snap #snapback #snapchat #snapchatgay #snapme #sokus #sopretty #spanishgirl #sparklingnudes #stopdropandyoga #stranger #streetphoto #stud #submission #sultry #sunbathing #swole #tag4like #takeitoff #teens #tgif #thatasstho #thick #thought #todayimwearing #treviso #twerk #twerker #undies #valentinesday #vatine #weed #weedstagram #weezmoney #wet #whitegirl #woman #womancrushwednesday #women #workflow

#cunt #curlyheadedfuck #daddylove #deepthroat #dick #dicks #dildo #dildos #dripping #DuckDynastyBitch #fastasfuck #fatass #fetish #foodorgasm #freshasfuck #fuck #fuckbitches #fuckbulltaco #fuckday #fucked #fucker #fuckfriday #fuckFriends #fuckfuelprices #fuckhislife #fuckinass #fucking #fuckingbeasting #fuckingdead #fuckingfantastisk

2) RIPETERE CONTINUAMENTE GLI STESSI HASHTAG

Utilizzare continuamente gli stessi hashtag può indurre Instagram a pensare che si tratti di un account spam che pubblicati contenuti automatici, per questo motivo è sempre bene variare.

Se non sapete quali hashtag usare provate a utilizzare uno dei tanti tool per trovare gli quelli più inerenti al tipo di contenuto che volete pubblicare, oppure provate a dare un’occhiata a questo articolo:

Hashtag popolari 2018, come utilizzarli correttamente

3) ESSERE TROPPO ATTIVI

I social network sono fatti per condividere e interagire ma farlo eccessivamente può essere motivo di ban; non tutti sanno che su Instagram ci sono dei limiti di azioni che possono essere fatti ogni giorno, legati alla quantità di foto, commenti e numero di persone che si seguono.

Questi limiti variano a seconda dell’anzianità dell’account, ma di solito bisogna evitare di postare 200 foto al giorno o lasciare centinaia di commenti in un’ora, sono tutti comportamenti che possono far pensare a un account spam con azioni automatizzate.

4) INSTAGRAM HA SCOPERTO AZIONI NON CONSENTITE

Se si utilizzano servizi automatici o si acquistano follower, il rischio di essere bannati da Instagram è molto elevato poiché i termini del servizio vietano queste pratiche.

Questo non vuol dire che non è possibile acquistare follower Instagram o incrementare i like sulle foto, ma bisogna farlo affidandosi a sistemi sicuri e reali come quelli che trovate qui, evitando tutti quei servizi che si limitano ad aumentare il contatore dei follower e dei like attraverso dei boot, una mossa che Instagram punisce con lo shadowban o con il totale allontanamento della piattaforma.

5) ACCOUNT SEGNALATO PER SPAM

Può succedere che l’account venga segnalato più volte per spam, violazione dei diritti d’autore e visualizzazioni di contenuti vietati o inappropriati, in questo caso il rischio di essere bannati da Instagram è alto, per cui il consiglio è di fare attenzione a ciò che si posta e si visualizza.

COME ELIMINARE UNO SHADOWBAN SUL PROFILO?

Non bisogna scoraggiarsi, anche se Instagram ha deciso di bannare il vostro profilo, non vuol dire che non si possa fare niente per rimediare.

In linea di massima bisogna intervenire su tutti quei comportamenti che hanno provocato lo shadowban Instagram, tra cui l’utilizzo di bot per incrementare follower e like, un’attività troppo elevata sul profilo e l’utilizzo costante di hashtag vietati.  

Per saperne di più, leggete anche: Come sapere se Instagram ha bannato il vostro profilo

Tags: shadowban instagram, hashtag vietati

Acquistare fan pagina Facebook Servizi di marketing e SEO professionale Aumenta le visualizzazione dei tuoi video e canali Youtube Realizzazione siti web Joomla professionali Acquista followers per il tuo profilo Instagram  Rivendi servizi di marketing di alta qualità Vendita Fan Facebook Italiani e Reali Servizi di social media marketing professionali